Rimani in contatto

Segui la nostra pagina

Facebook!

e clicca "Mi piace!"

https://www.facebook.com/

seminarioarenzano/

 

Sei amico di P. Andrea?

Vuoi contattarlo in maniera più immediata?

3478242731

Salva il numero e invia un messaggio su Whatsapp scrivendo il tuo nome e cognome

Chi è online

 43 visitatori online

Santi

7 febbraio

San Riccardo


Leggi tutto...

AL NOSTRO CARO P.VITTORINO

AL NOSTRO CARO P. VITTORINO

Vogliamo ringraziare P. Vittorino con affetto per tutto il lavoro che in questi anni ha svolto per il Seminario, sono tanti gli anni passati con lui e i pensieri che ad ogni amico del Seminario verranno in mente anche solo per aver scambiato con lui qualche parola.  Chiediamo a Gesù Bambino di ricompensarlo con il dono della salute perché possa ancora fare tanto bene a tutte le persone che lo incontreranno nel suo nuovo incarico nella Parrocchia San Pietro di Savona.Vediamo qualche immagine di lui e lasciamo la parola a P. Michele che lo ha voluto ricordare con queste parole.

 

Mi è stato chiesto di scrivere alcune righe su Padre Vittorino come ricordo e ringraziamento per tutti questi 30 anni che è stato ad Arenzano e si è occupato di accogliere i pellegrini, ma soprattutto di incontrare ragazzi e famiglie per proporre l’esperienza del Seminario. Lo faccio volentieri anche se so che lui non ama le celebrazioni trionfali ma gli piace lavorare sodo e con umiltà.

Quando leggerà queste righe spero non mi sgridi…

Ora è nel nostro convento di Savona e gli auguro di trovarsi bene e poter continuare a incontrare persone a cui fare la proposta vocazionale del Seminario. Lui ha sempre combattuto per questo anche nella malattia: che in Seminario ci sia qualche buon ragazzo che segua il Signore.

Personalmente l’ho conosciuto nel 1988 quando sono venuto alla 3a campagna vocazionale ad agosto. Sono entrato in Seminario che dovevo fare la prima media e non pensavo proprio che avrei condiviso con lui più di vent’anni. È sempre stato una persona energica e piena di vita, generosissimo nello svolgere il suo compito e mi domandavo come facesse d’estate, ogni sera, a partire per Milano, Torino, Piacenza, ecc.. a trovare i ragazzi senza scoraggiarsi mai e con la pioggia, il sole a picco o le code in autostrada e qualche volta facendo dei viaggi a vuoto.

È sicuramente l’amore a Gesù Bambino che lo anima.

Mi piace di lui che parla volentieri di tutto: animali, piante, politica e ascolta tutti quanti hanno un problema;  in questi anni si è inventato tante attrazioni per invitare i ragazzi: l’acquario, i piccioni, il furetto, i conigli, i canarini… io lo prendo in giro dicendo che sono tutti uguali ma lui  non si arrende a dirmi che i canarini sono diversissimi uno dall’altro.

Come sapete è stato anche missionario nella nostra Missione in Repubblica Centrafricana e amava ricordare i proverbi in sango che erano azzeccati anche per situazioni che incontrava.

Mi piace sentire ancora il rumore della sua motoretta che sfrecciava su e giù dal Seminario e dal Santuario ma anche a Savona so che sentiranno questo rumore così caratteristico.

Ogni tanto prendo delle telefonate di mamme di ex ragazzi che sono stati alle campagne o ex seminaristi che lo cercano o che vengono a cercarlo di persona con i figli o i nipoti e questa è la migliore testimonianza di affetto perché vuol dire che il tempo non ha cancellato il bene da lui fatto.

Ciao Vitto, buona continuazione a Savona!

Con tutto l’affetto.

P. Michele

CHI AVESSE PIACERE DI CONTATTARE P.VITTORINO SI PUO' RIVOLGERE AL SEGUENTE INDIRIZZO:

Parrocchia San Pietro

Via Untoria, 6

17100 SAVONA

Tel e Fax 019 825710

Cell.348 8160538

E-Mail:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 


Gratta & Vinci

Inserisci il codice segreto che hai trovato sul foglio delle vacanze estive:




Galleria fotografica

Ridere con Dio

La barzelletta della settimana:


Lassù

San Pietro ferma un defunto che cerca di intruffolarsi in paradiso: «No, no, carino! Tu non puoi entrare. Hai detto troppe bugie!»

«Ma San Pietro caro, cerca di capirmi... in fondo anche tu sei stato pescatore!»